Nella pianificazione di un piano di autocontrollo alimentare che risponda appieno alle direttive indicate nel sistema HACCP un capitolo particolarmente importante è quello da dedicare ai fornitori di cui un bar solitamente si serve, è infatti raro che al trasporto dei prodotti alimentari pensi il titolare in prima persona e comunque, se così fosse, deve descrivere in quale modo opera detto trasporto.

Nella stesura del manuale HACCP quindi non possono mancare tutti i riferimenti a quelle Aziende che, da esterne, collaborano attivamente a questa particolare attività del settore alimentare.

Per definizione il fornitore è associato inevitabilmente al trasporto, il trasferimento di una merce all’interno della filiera alimentare è materia delicata, fra i doveri del titolare del bar ci sono tutta una serie di controlli da effettuare nel momento in cui presso il suo locale arrivi il fornitore con la merce ordinata.

A monte di tutti i doveri di seguito elencati c’è, primo fra tutti, l’obbligo di rivolgersi a un fornitore ufficiale che a sua volta operi nel pieno rispetto del sistema HACCP.

Assolto questo compito il titolare dovrà poi accertarsi di quanto segue:

  • Verificare integrità imballaggio;
  • monitorare la temperatura della cella frigorifera del mezzo di trasporto, ove presente;
  • controllo della regolarità dell’etichettatura (anche data di scadenza);
  • quando possibile testare odore e sapore dell’alimento;
  • eseguire il trasporto dal mezzo al locale nella maniera più veloce possibile avendo cura di non lasciare la merce incustodita né sotto il sole.