Il ministero della Salute ospita sul proprio sito un’intera sezione riguardante la sicurezza alimentare. Pagine, notizie, aggiornamenti, documenti, link nei quali è possibile seguire l’andamento della politica nazionale in merito alla tutela degli alimenti e alla prevenzione dei consumatori. Una prima fonte alla quale riferirsi, ovviamente aggiornata con ogni novità normativa, che sia nazionale o europea, e con i lanci e la promozione di campagne di sensibilizzazione.

Tra le ultime novità pubblicate, due documenti apparsi sul sito lo scorso 4 luglio, due guide illustrate che riguardano i cittadini, o meglio i giusti comportamenti a tavola e informazioni sul perché sulla nostra stessa tavola arrivino cibi e bevande sicuri e igienici.

Il primo documento di cui parliamo è il “Decalogo alimentazione estate 2012”. Si tratta di due opuscoli: “E…state OK con la nutrizione” e il “Decalogo E…state OK” , entrambi riguardanti la corretta alimentazione nel periodo estivo. Dieci consigli utili, “facili da ricordare e semplici da seguire, al mare e in montagna, al lago o in città”, a cura del ministero della Salute Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione, Direzione generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali.

Per quanto riguarda il secondo, forse maggiormente pertinente i temi di sovente trattati sulle nostre pagine, parliamo di un cofanetto, una serie di contributi raccolti sotto il titolo “Ecco perché mangi sicuro”. Cinque guide, cinque lunghe guide illustrate, assolutamente comprensibili e ricche di informazioni sulla produzione, il trasporto, la conservazione e il consumo di alimenti e bevande di uso comune. Uova, pesce, carne, latte e miele. Un progetto ancora del ministero della Salute in collaborazione con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della  Lombardia e dell’Emilia Romagna “B.  Ubertini”, ideato per “assicurare ad ogni consumatore un adeguato livello di conoscenza delle misure adottate per rendere sicuri gli alimenti, nonché di rendere le stesse facilmente utilizzabili”.

Info: ministero Salute sicurezza alimentare.